• fk1
  • fk2
  • fk3
  • fk4
  • fk5
Newsletter
OfferteOfferte
Inviare richiesta
Newsletter abbonare

Qui trovate la nostra informativa sulla privacy e le condizioni di revoca.

Nel cuore delle Dolomiti: il Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies

Nel cuore delle Dolomiti: il Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies

A ovest di S. Vigilio – per tutta la lunghezza della Valle di Braies fino a Dobbiaco e l’Alta Badia – si estende il Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies su una superficie di oltre 25.000 ettari che fa di questa la più grande riserva protetta dell’Alto Adige. Nei fitti boschi di conifere, nella brughiera, sui pascoli in quota, sui prati di montagna e nei laghi di questa riserva naturale da proteggere si trovano un’impressionante molteplicità di specie animali e vegetali. Con un po’ di fortuna qui si possono osservare il gallo cedrone in amore, a quote più elevate le lepri bianche o ancora la fioritura di una stella alpina al lato del sentiero. Dal vostro appartamento a S. Vigilio non dovrete fare molta strada per godervi il piacere di una gita giornaliera circondati dalla bellezza del Parco Naturale.

Una gita giornaliera al laghetto di Braies

Una gita giornaliera al laghetto di Braies

Una meta particolare all’interno del Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies è il laghetto di Braies circondato da numerose rocce inaccessibili. Qui sarà facile vedere con un binocolo un camoscio o un grosso stambecco. Questa “perla tra i laghi delle Dolomiti” si può ammirare durante un’escursione lungo le sponde del lago oppure facendo una gita in barca con la famiglia. Questo laghetto isolato e il mondo alpino che lo circonda sono uno spettacolo per gli occhi e allo stesso tempo un luogo di intenso relax.

Due sentieri tematici nella natura incontaminata

Due sentieri tematici nella natura incontaminata

Attraverso il Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies si snodano due sentieri naturali, ciascuno dei quali con un proprio tema. Lungo il “sentiero dei larici” attraverserete le variegate tipologie di paesaggi del parco naturale, che vi verranno fatti conoscere più da vicino tramite postazioni interattive e multimediali. Naturalmente l’argomento del percorso sono i boschi di larici che danno il nome al sentiero e attraverso la Val Badia arrivano a S. Cassiano. Il sentiero del “Lago di Dobbiaco” vi farà conoscere il mondo idrico delle Dolomiti e vi fornirà sicuramente alcuni dettagli che mandano letteralmente in visibilio gli amanti della natura.